Dizionario Opiano – L

Labbre = labbro

Laccangione = ingordo, grassoccio, un pò malandato, persona che fà movimenti goffi

Lacce = collana d’oro che la suocera regalava alla futura nuora, laccio molto usato nei paesi d’Abruzzo

Lcchètte = lucchetto

Lacrema/à = lacrima/re (me lacremane gli occhie)

Lacremune = lacrimoni, grosse lacrime

Ladrecinje = ladrocinio, ruberia, rubano di tutto

Ladre = ladro

Laghe = lago (i se viste i laghe i Barrea come sta sicche?)

Lagna/à = lagna/lagnarsi – lamentela, dire sempre che le cose non vanno bene

Lagnuse = lagnoso

Lama/e = putrelle in ferro o lama del coltello

Lama = terreno umido, paludoso, toponimo presente in Opi

Lambarze = erba di prati infestante a foglie larghe

Lambe = lampo, fulmine, in un baleno (quande lamba scamba, quande tona chiove)

Lambe = leste leste, alla svelta

Lambja = soffitto, volta, solaio

Lamendà = lamentarsi

Lamende = lamento, non contendo di come vanno le cose

Lamende = lamento, dal dolore o perdita di una persona o cosa cara

Lamentèra = lamentela

Lamentuse = lamentoso

Lambieja = lampeggia

Langa/allanganita = fame, persona che ha sempre fame

Langore = languore, essere offesa per una scortesia (tenghe sempre i langore, però che se stesse attenda)

Languedezza = languore

Langurja = stato di persona non tanto contenta

Lanquelenda = una cosa languida

Lanterna = lanterna

Lapedjà = metodo di lavoro che non porta frutti, solo fatica

Lappèse = matita, lapis

Lappucce = orlo ai margini di una stoffa, di una tovaglia

Larde = lardo, grasso di maiale che si tagliava a tocchi quando ancora era possibile uccidere il maiale nelle nostre case

Lardelle = pezzo di lardo, piccolo

Larje = ampio, cosa larga

Lasagne = tipo di pasta fatta in casa

Lasche = rado, largo (quide tè i capille lasche lasche) (quele jerane è nate lasche)

Lasporta = l’asporta/asporta-borsa per la spesa-in vimini, in paglia ed anche in stoffa, che veniva usata una volta

Lassa/à = lasciare, lasciar perdere

Lassame = lasciami

Lassàta = lasciata (ognje cosa lassàta è persa)

Lasse = lasciare

Lassètte = lasciò

Lasteca = elastico

Latature = mattarello, attrezzo da cucina per spianare la pasta fatta in casa

Late = lato

Latrajere = l’altro ieri

Lattara = pecora che allatta ancora gli agnelli

Lattare = lattaio, colui che raccoglieva il latte (è passate i lattare?)

Laudate = lodato (sija lodate Gesù Criste)

Lavafacce = mobile da camera per la pulizia del viso ad uso lavandino

Lavà = lavare, fare il bucato

Lavàta = lavare in senso di lavare oppure nel senso di rimprovero 

Lavàta = lavata, viene usata anche per dire sbrigati

Lavative = lavativo, persona che non ha voglia di lavorare, lavativo (ma se proprja ‘ne lavative)

Lavature = lavatoio

Lavera = alloro, foglia di alloro

Laverata = terreno lavorato, sfruttato, oppure toponimo in località  prati di Opi