Riti, proverbi (attavett) e dizionario Opiano

Diffondiamo il Patrimonio Immateriale di Opi

Lo scopo primario di questa pagina è quello di recuperare, archiviare e tutelare il “Patrimonio culturale ed immateriale” del Nostro Piccolo Borgo.

 “Si intendono per Patrimonio Culturale Immateriale pratiche, rappresentazioni, espressioni conoscenze e i saperi – come strumenti, gli oggetti, i manufatti e gli spazi culturali associati ad essi – che le comunità, i gruppi e in alcuni casi gli individui riconoscono come facenti parte del loro patrimonio culturale”.

Raccoglieremo in questa sezione un elenco di parole/aggettivi particolari e poco comuni, proverbi e modi di dire, spiegando definizione, significato, origine/etimologia”.

Chiunque fosse a conoscenza di termini, curiosità, modi di dire ecc… è invitato a farle pervenire via mail al seguente indirizzo prolocopi@tin.it oppure su WhatsApp al numero 347.8887056.

COLLABORA ANCHE TU!!!

 

DIZIONARIO OPIANO

(Gentilmente fornite da Andrea Di Marino, Remo Cimini)

A.  B.  C.  D.   E.   F.   G.  H.  I.  L.  M.  N. O.  P.  Q.  R.  S.  T.  U.  V.  Z.

 

I RITI

LA SERENATA

Lo sposo, accompagnato dagli amici, a notte fonda, si reca sotto il balcone/finestra della futura sposa con un mazzo di fiori e l’immancabile fisarmonica, chitarra o mandolino per cantare il suo amore…

Ancora oggi nel nostro Paese si ripete ad ogni appuntamento di matrimonio, questo antichissimo romantico rito pre-matrimoniale.

 

LA FESTA DI SANT’ANTONIO ABATE

“Il Racconto Antico” (Intervista concessa dalla Sig.ra Leonia Di Vito)

 

IL “CATOZZO”
Un grande falò preparato nella giornata del 23 Dicembre, dai generosi volontari. In passato era fatto con la raccolta della legna (un ciocco per famiglia) da parte dei ragazzi del paese, che qualche giorno prima del Natale giravano per le viuzze inneggiando il mitico canto “lena lena p’ i Carozze i Natale…!”.
Questo rito si ripeteva per diversi giorni, sotto il sole e sotto le bufere di neve… Niente e nessuno poteva fermare la carovana che girava il paese per raccogliere la legna per scaldare Gesù nella notte Santa. Tutte le famiglie partecipavano a donare un grande “ciocco”, che veniva messo da parte ogni anno allo scaricare della legna, proprio per destinarlo a questa occasione…
Oggi purtroppo non sono più i ragazzi a radunare i “ciocchi” di legna (come nel passato) ma bensì vengono messi a disposizione dal Comune, per fare il grande falò del Natale. Certo abbiamo perso un’altra delle nostre tradizioni… ma poco importa in questo caso….!! Ciò che conta, è che ogni anno, nella notte di Natale, che nasce “il Bambino Gesù”, si continua ad accendere il “Catozzo”…per non lasciarlo al freddo e al gelo durante la notte più suggestiva dell’anno….

 

LA PROCESSIONE DEL VENERDI’ SANTO E IL BACIO DI GESU’ MORTO
All’imbrunire del Venerdì Santo si rinnova a OPI, la Sacra rappresentazione della Processione del Cristo Morto che da sempre è riferimento religioso e culturale del popolo “Opiano”.
Suggestiva per il raccoglimento, il silenzio… le fiaccole…le preghiere e i canti antichi, lungo le vie del Borgo.

 

MODI DI DIRE

(Gentilmente fornite da Cimini Remo)

1. QUANDE ERAVAME VAGLIUNE E CI AMMALAVAMO, SAPERE I NOSTRI RIMEDI PER GUARIRE??? ANTIBIOTICI, MA QUANDO MAI!!  Tosse forte: ne matone calle abberretate a na pannuccia i ti mettevane mbette; Mal di pancia??? Na chiave vecchia che si aprivano le porte delle pagliara, sopra alla trippa e te facevane piglià le saiette;

2. SE CI TAGLIAVAMO CHE NE VECALE, CHE NE FERRE ARREZZENITE, CHE NE CHIOVE ARREZZENITE, CHE NE CURTELLE:            Oggi: Antitetanica, Antibiotici, Mercurio Cromo, acqua ossigenata, ospedale……                                                                                                                                              Nù’ sopra alla frita ce faciavame na bella pisciata e ne revarevame subbete subbete

3. SAPETE CHE NOI QUALSIASI COSA FACEVAMO,  NE NGE AZZECCAVAME MAIII…..                                                                                        Parlavi tanto: statte zitta feniscila; Parlavi poco: Vagliò dilla ca cosa; Mangiavi tanto: ne ta abbutte ma; Mangiavi poco: Vagliò ma tu megne troppe poche; Correvi: Vagliò va chiane ca te mbrusce; Andavi piano: muvete me simbre ne ndunde;  Rispondevi: se scustemate; Non rispondevi: ma se propria ne fessa; Studiavi un pò di più: Sembre che sce libre mane, va alle vacche camina; Non studiavi: ne apre ma ne libbre se propria ne ciucce; Uscivi: ne nde retire ma apposate ne poche; Non uscivi: sta sembre alla casa, isce ca poche , te sta a rmbambì.

4. NOI CHE GIOCAVAMO A NASCONDINO…. a nascunn, la tana era la botola davanti la fontana;  i confini: Celestina, Daniele, San Giovanni e za Fiore;                                                                                                                                                                                                                                                                              – GIOCAVAMO A CAMPANA…..pazziavam a ticce, faciavame le capanne, le corna erane le vacche, le pigne dette zirielle erano i barattoli della conserva detti Vicali erano i muli, oppure i vicali con dei buchi e un lungo spago erano i nostri cellulari.                                                                                                                                 – Noi che facevamo il bagno a i cutine de paglietta, papparule, papparulle

5. PASSEVA “la postagli correvamo dietro per farci tirare...IN ITALIANO: la coriera                                                                                                                                                                                                                     

6. TUPPELAVAMO ALLE PORTE DELLE FAMIGLIE E SCAPPAVAMO…IN ITALIANO: bussare

7. FACEVAMO GLI SCIVOLI ALLA DISCESA DI VIA S’GIOVANNI CON LA NEVE, così la mattinaghiacciava e i nostri genitori co i secchi pieni di papponi se ne andavano a zambe pe l’aria….veri monelli detti fercille

 

FILASTROCCHE

(Gentilmente fornita da Andrea Di Marino, Nino Boccia)

1. Carnval assutt assutt, c na mazza d prsutt, c na mazza d qrnial, rumb l’ossa a carval

2. Quide che lassa la cappa male ‘ncappa

3. Sopra alle cotte l’acqua vellita

4. Pane e vine venga e st’ munne sempre se mantenga

5. Tinghe e tinghe la moglie de Ze Minghe , Ze Minghe stà alla fossa e se scarna tutte l’ossa, l’ossa scarnate le metteme alla pignata , la pignata se mmocca  e Ze Minghe para la vocca

6. Zurlì zurlì zurlì tutte i lepre appresse a mi

7. A carnevale ogne’ scherze vale e chi s’encagna e ‘nn’anemale

8. La jallina cioppa cioppa,  quanda penne porta ‘ngroppa, e ne porta ventiquattre, una due tre e quattro

9. Carnevale perché t’se morte, l’insalata la tenive add’orte pane e vine, n’ t mancheva, Carnevale perché t’ se morte

10. Ticci e Taccci, che st’vagljone che c facce, i jett p la, i raccoglie la gente che passa, passa la mamma sè, ecchivì i citede me

11. Condì tarallo, carissimbà, casettina potente dì, dimmi rosolì, lacrime benì, per bontà, che sarà pi pà.

12. Tenghe na scatela de cerine, ne so bone e ne so fine, ma so tutte i ne culore, esce forte ignor dottore..

13. Tacce e tacciola j vaglione và alla scola, và alla scola che ne cestine de caramelle, arriva la maestra e se le magna tutte jessa   

14. Ciciotte i ciciotte i Sant’Antonie  varda la vacca a lu patrone ( lu = i ) eccezione , Opi non usa l’articolo lu.

15. Sò Febbrale e sò felice , che venga la freve a chi me le dice

16. Isce sole sande , rescalla tutte quande, rescalla quela vecchja che stà sotte alla quercia, la quercia se ne cade  e la vecchja se fà male